Seguire una corretta idratazione e consumarne circa 8 bicchieri al giorno è alla base del benessere di tutto l’organismo. L’acqua è il principale componente di organi vitali quali cervello, fegato o cuore. Allo stesso modo, le ossa e lo spazio presente tra le cellule contengono un’alta percentuale di questo liquido per noi fondamentale. Bere poca acqua, dunque, può avere conseguenze di cui sottovalutiamo l’importanza e quando non beviamo abbastanza il nostro fisico non risponde come dovrebbe agli stimoli esterni.

Uno studio condotto da un gruppo di ricercatori neozelandesi della Massey University ha messo in luce ad esempio il rapporto tra idratazione percezione del dolore e i risultati sono stati sorprendenti. La disidratazione conduce infatti ad una serie di conseguenze negative che si ripercuotono anche sulla percezione del dolore, facendoci diventare più sensibili al dolore.

I ricercatori hanno coinvolto nello studio un gruppo di persone in buono stato di salute. Il campione è stato suddiviso in due sottogruppi in cui al primo è stato chiesto di continuare a bere normalmente, mentre al secondo è stato proibito di assumere liquidi per 24 ore.

Gli esperti attraverso un test (il  Cold Pressure Test) hanno sottoposto i partecipanti a pressione fredda sui piedi per misurarne i livelli di sopportazione del dolore. Dai risultati hanno notato che i partecipanti più disidratati avvertivano maggior dolore rispetto alle persone correttamente idratate. I ricercatori hanno stabilito che quando i soggetti sono fortemente disidratati percepiscono il dolore il 40% in più rispetto a quando invece sono ben idratati.

Quindi,  la corretta idratazione può avere effetti positivi per alleviare il dolore cronico associato a condizioni come l’artrite, emicranie disturbi muscolo-scheletrici.

Una corretta idratazione risulta importante per questo motivo non solo d’inverno, ma durante tutto il corso dell’anno, in particolare per le persone anziane che soffrono maggiormente il freddo e sentono meno il bisogno di bere durante la giornata, ma sono anche coloro che soffrono di più per dolori cronici. La buona notizia, se beve poco, è che puoi cambiare le tue abitudini.  Scegli la strada del benessere!